PON IeR 2014 – 2020

l Programma Operativo Nazionale (PON) Infrastrutture e Reti 2014-2020 persegue le priorità dell'Unione Europea nell'ambito delle infrastrutture di trasporto, contribuendo al miglioramento delle condizioni di mobilità delle persone e delle merci ed è finalizzato a garantire uno sviluppo competitivo dei territori delle regioni meno sviluppate del Mezzogiorno e a rafforzare la coesione economica, sociale e territoriale

Nell'ambito degli interventi previsti dal PON Infrastrutture e Reti 2014/2020 www.ponir.mit.gov.it cofinanziato dall'Unione Europea, UIRNet è responsabile dell'attuazione dei seguenti progetti:

1. Drive Belt

Totale importo finanziato: € 2.342.838,00

Obiettivo del progetto:

Con il progetto Drive Belt, UIRNet si propone di costruire uno strumento informatico atto alla raccolta strutturata, tramite osservazioni oggettive tratte dall’operatività, del patrimonio informativo effettivo e statistico del trasporto merci e in grado di elaborare analisi avanzate finalizzate all’individuazione di interventi volti a favorire lo sviluppo logistico.

Tale soluzione consentirà di disporre di un “Sistema di Monitoraggio”, che offrirà reportistica periodica strutturata e omogenea, costruita sulla base del patrimonio informativo di domanda e offerta collezionato, e di un “Cruscotto Strategico” abilitante analisi strategiche e di “scenario” (definito come  “contesto nel quale si verificano determinate situazioni”) mediante l’analisi di Big Data.

I dati della logistica e del trasporto italiani potranno provenire dai sistemi di numerose Pubbliche Amministrazioni e da soggetti pubblici e privati che concorrono alla cosiddetta Catena Logistica Digitale, quali Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell'Ambiente, ANAS, Ferrovie Dello Stato, Autorità di Sistema Portuale, Interporti, ENAC / ENAV.

Drive Belt si pone come strumento di supporto alla governance di un sistema complesso quale quello della logistica merci nazionale, prevedendo di analizzare la mole di dati raccolti e fornire interpretazioni dinamiche al fine di elaborare indicazioni strategiche utili al decisore istituzionale. 

Lo sviluppo del progetto prevede in particolare due distinte fasi:

•             Realizzazione del sistema di raccolta ed utilizzo delle informazioni provenienti da diverse sorgenti dati (istituzionali e non);

•             Predisposizione di strumenti di monitoraggio e cruscotti strategici di supporto alle decisioni del MIT.

2. Port Community System per le Autorità di Sistema Portuale (PCS-AdSP)

Totale importo finanziato: € 8.300.000,00

Obiettivo del progetto: progettare e sviluppare uno sistema centralizzato per tutte le AdSP, nell’ambito del Modello Unico di Port Community System, in grado di supportare le funzioni autorizzative, amministrative e di controllo.

Il sistema sarà in grado di rispondere alle esigenze organizzative e operative delle diverse AdSP grazie alla sua flessibilità ed agli strumenti di configurazione dei processi e dei servizi, garantendo unitarietà nelle modalità di accesso e fruizione dei servizi da parte degli Utenti della Comunità Portuale.

UIRNet, attraverso questo sistema, vuole dotare l’AdSP di strumenti di monitoraggio e di reportistica con una gestione multi-porto, così che ogni AdSP possa avere, contemporaneamente, una visione d’insieme ed il dettaglio specifico per i singoli scali del proprio Sistema portuale, gestendo l’articolazione organizzativa in Uffici territoriali portuali e Uffici amministrativi decentrati.

Il Sistema prevede anche strumenti a supporto dell’implementazione dello Sportello Unico Amministrativo (SUA) da parte delle AdSP. 

Il Sistema prevede anche l’implementazione dello Sportello Unico Amministrativo (SUA), gestendo l’articolazione organizzativa in Uffici territoriali portuali e Uffici amministrativi decentrati. 

3. Corridoio controllato 2.0

Totale importo finanziato: € 2.205.700,00

Obiettivo del progetto:

Il progetto si propone come evoluzione funzionale dell’attuale Modulo CCD (Corridoio Controllato Doganale), servizio della Piattaforma Logistica Nazionale digitale, realizzato di concerto con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che abilita il controllo del trasporto merci su percorsi prefissati, detti Corridoi Controllati Doganali. Per conoscere di più questo progetto, ti proponiamo la visione di questi video:
https://www.youtube.com/watch?v=ii7TN6qLiWs&t=1s https://www.adm.gov.it/portale/dogane/operatore/ecustoms-aida/progetti-aida/fast-corridor

Il nuovo Modulo CC 2.0 apporterà significativi vantaggi di tipo funzionale, tra cui: lo sviluppo di una componente per la fruizione dei servizi di appuntamento intermodale della Piattaforma digitale, l’ampliamento delle tipologie di merce gestite dal sistema (merce non containerizzata), la realizzazione di una componente per la gestione dei trasporti eccezionali e l’implementazione di una componente per il transito di mezzi che effettuano missioni nell’ambito di contesti urbani (“corridoio urbano”).