News ed eventi

16 Marzo 2021 - News

Giovannini alla Commissione Trasporti e Ambiente, le linee programmatiche

Si è svolta oggi nelle Commissione Trasporti e Ambiente della Camera, l’audizione del Ministro Giovannini sulle linee programmatiche del dicastero. Il Ministro, a valle di una generale introduzione sui cambiamenti dovuti alla pandemia, ha dichiarato che per affrontare le nuove sfide, il Mims opererà seguendo due direttrici:

  1. Direttrice orientata alle necessità immediate:
  • Migliorare l’efficienza dei sistemi attuali di trasporto per ridurre gli impatti negativi legati all’emergenza sanitaria;
  • Stimolare la ripresa economica ed occupazionale, superando i ritardi nell’attuazione delle opere già deliberate;
  • Aumentare l’efficienza energetica del patrimonio pubblico;
  • Assicurare la manutenzione costante del patrimonio infrastrutturale, prevenendo rischi, anche attraverso l’applicazione di tecnologie innovative;
  • Completare l’iter dei provvedimenti legislativi di grande rilievo;
  • Accelerare l’emanazione dei decreti attuativi di norme primarie;
  • Completamento dei dossier rilevanti per il sistema dei trasporti

2. Direttrice che dovrà orientare le scelte future per infrastrutture più sostenibili e resilienti

  • Sistemi integrati per una mobilità sostenibile a lunga percorrenza, anche per ridurre le emissioni e proseguire nel percorso di decarbonizzazione;
  • Sviluppo dell’alta velocità delle persone e delle merci ed il simultaneo sviluppo del trasporto su base regionale;
  • Rinnovo ecologico delle flotte per il trasporto su terra e via mare;
  • Rafforzamento dell’intermodalità e della logistica integrata con particolare attenzione all’ammodernamento dei porti, anche in un’ottica di transizione ecologica.

È stato poi rilevato quanto segue:

Semplificazione delle procedure amministrative

Il Ministero sarà impegnato nella semplificazione delle procedure amministrative nell’ottica di accelerare la realizzazione dei cantieri senza incidere sulla legalità. Sul punto è stato avviato un gruppo di lavoro per l’elaborazione di proposte volte alla semplificazione dei processi per le opere del PNRR. È stata, inoltre, sottolineata la necessità di avviare iniziative per attuare il principio della necessaria qualificazione delle stazioni appaltanti, rafforzando le stesse in termini di risorse umane e strumentali.

Nuovo assetto organizzativo del Ministero

Per portare a compimento gli impegni assunti è stato varato un nuovo assetto organizzativo interno finalizzato al PNRR. L’approccio prevede che:

  • La definizione dei progetti sia perfettamente rispondente ai criteri del Next Generation EU, compresa la capacità di rispettare le tempistiche ed il principio del do not dignificant harm all’ambiente;
  • La realizzazione di un sistema informativo in grado di monitorare l’attuazione del piano e intervenire in caso di stallo;
  • Innovazione di carattere normativo e organizzativo interna al ministero, per consentire la valutazione ex ante, durante ed ex post della realizzazione delle opere previste dal piano.
container nel retroporto
11 Marzo 2021 - progetti in corso 11 Marzo 2021 - News

Corridoio Controllato Doganale Ispettivo – completata la digital transformation

UIRNet, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e l’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, ha avviato la nuova fase della sperimentazione, nata nel luglio 2020, del servizio di Corridoio Controllato Doganale di tipo” Ispettivo” e dedicata ai Centri Unici di Servizio.

Il processo si arricchisce di funzionalità a supporto della gestione dei Corridoi Doganali su gomma, attraverso l’implementazione di servizi di trasporto in shuttling. La nuova sperimentazione rafforza l’offerta, rappresentando un ulteriore tassello per il raggiungimento della dematerializzazione dei processi logistici e dell’efficientamento delle operazioni portuali.

In particolare, grazie a queste modifiche, sarà consentito il trasferimento massivo dei container, destinati a visita ispettiva, presso il retroporto di Santo Stefano di Magra, nell’area attrezzata dall’Autorità del Sistema Portuale, dove sono ospitati tutti i presidi portuali.

17 Febbraio 2021 - News

Il dovere della cittadinanza, discorso di Draghi al Senato

Si è da poco concluso il discorso del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, al Senato in occasione della votazione per la fiducia che si terrà nella tarda giornata di oggi.

Il Presidente ha sottolineato la natura del Suo Governo: ovvero un governo del Paese, che in un momento di profonda drammaticità come quello attuale è chiamato ad una Nuova Ricostruzione ricordando come “nei momenti più difficili della nostra storia, l’espressione più alta e nobile della politica si è tradotta in scelte coraggiose, in visioni che fino a un attimo prima sembravano impossibili. Perché prima di ogni nostra appartenenza, viene il dovere della cittadinanza”. Ha quindi evidenziato il dovere di consegnare alle future generazioni “un Paese migliore e più giusto”.

Dopo aver ripercorso i numeri della pandemia nei suo discorso Draghi ha evidenziato i seguenti punti programmatici:

Priorità per ripartire

  • Piano vaccini: ottenute le quantità sufficienti sarà necessaria una rapida ed efficiente distribuzione ricorrendo alla protezione civile, alle forze armate e ai volontari. Le vaccinazioni saranno rese possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private.
  • Riforma sanitaria: rafforzare e ridisegnare la sanità territoriale, realizzando una forte rete di servizi di base, agli ospedali saranno affidate le esigenze sanitarie acute, post acute e riabilitative.
  • Scuola: necessità di tornare rapidamente a un orario scolastico normale recuperando le ore di didattica perse lo scorso anno. Verrà rivisto il disegno del percorso scolastico annuale delienando un percorso educativo che combini la necessaria adesione agli standard qualitativi richiesti, anche nel panorama europeo, con innesti di nuove materie e metodologie, e coniugare le competenze scientifiche con quelle delle aree umanistiche e del multilinguismo

Oltre la pandemia

Superato lo stato emergenziale sarà necessario ridefinire dei modelli di crescita: Il governo dovrà proteggere tutti i lavoratori e accompagnare alcune attività economiche in un inevitabile processo di cambiamento. Saranno, quindi, centrali le politiche attive del lavoro. È stato evidenziato come la risposta della politica economica al cambiamento climatico e alla pandemia dovrà essere una combinazione di politiche strutturali che facilitino l’innovazione, di politiche finanziarie che facilitino l’accesso delle imprese capaci di crescere al capitale e al credito e di politiche monetarie e fiscali espansive che agevolino gli investimenti e creino domanda per le nuove attività sostenibili che sono state create

Parità di genere

Dopo aver sottolineato che l’Italia presenta oggi uno dei peggiori gap salariali tra generi in Europa, oltre una cronica scarsità di donne in posizioni manageriali di rilievo ed una tendenza a raggiungere la parità di genere con un farisaico rispetto di quote rosa, ha evidenziato l’impegno al riequilibrio del gap salariale e alla creazione di un sistema di welfare che permetta alle donne di dedicare alla loro carriera le stesse energie dei loro colleghi uomini, superando la scelta tra famiglia o lavoro.

Mezzogiorno

Sviluppare la capacità di attrarre investimenti privati nazionali e internazionali per generare reddito, creare lavoro, investire il declino demografico e lo spopolamento delle aree interne attraverso la creazione di un ambiente dove legalità e sicurezza siano sempre garantite. Per spendere bene le risorse del Next Generation dedicate agli obiettivi di cui sopra, sarà quindi necessario irrobustire le amministrazioni meridionali.

Investimenti pubblici

In tema di infrastrutture è stata sottolineata la necessità di investire sulla preparazione tecnica, legale ed economica dei funzionari pubblici per permettere alle amministrazioni di poter pianificare, progettare ed accelerare gli investimenti con certezza dei tempi, dei costi e in piena compatibilità con gli indirizzi di sostenibilità e crescita indicati nel PNRR. Particolare attenzione sarà data agli investimenti in manutenzione delle opere e nella tutela del territorio, incoraggiando l’utilizzo di tecniche predittive basate su Intelligenza artificiale e tecnologie digitali.

Next Generation EU

I circa 210 miliardi che ci verranno concessi lungo un periodo di sei anni dovranno essere spesi puntando a migliorare il potenziale di crescita della nostra economia. La quota di risorse derivanti dal PNRR dovrà essere modulata in base agli obiettivi di finanza pubblica. Sarà completato il lavoro sul PNRR iniziato dal precedente governo. Le Missioni del Programma potranno essere rimodulate e riaccorpate, ma resteranno quelle già enunciate, ovvero l’innovazione, la digitalizzazione, la competitività e la cultura; la transizione ecologica; le infrastrutture per la mobilità sostenibile; la formazione e la ricerca; l’equità sociale, di genere, generazionale e territoriale; la salute e la relativa filiera produttiva.
Il PNRR sarà rafforzato negli obiettivi strategici e nelle riforme che lo accompagnano:

  • Obiettivi strategici: rafforzamento della dimensione strategica del Programma attraverso la selezione dei progetti e delle iniziative coerenti con gli obiettivi strategici, prestando grande attenzione alla loro fattibilità nell’arco dei sei anni del programma. Verrà inoltre assicurato che l’impulso occupazionale del Programma sia sufficientemente elevato in ciascuno dei sei anni, compreso il 2021.
  • Le riforme
    • Fisco: revisione profonda dell’Irpef con il duplice obiettivo di semplificare e razionalizzare la struttura del prelievo, riducendo gradualmente il carico fiscale e preservando la progressività. Funzionale al perseguimento di questi ambiziosi obiettivi sarà il contrasto all’evasione fiscale.
    • PA: verrà affrontata la fragilità del sistema delle pubbliche amministrazioni e dei servizi di interesse collettivo.  Particolarmente urgente è lo smaltimento dell’arretrato accumulato durante la pandemia. La riforma dovrà muoversi su due direttive: investimenti in connettività con anche la realizzazione di piattaforme efficienti e di facile utilizzo da parte dei cittadini; aggiornamento continuo delle competenze dei dipendenti pubblici, anche selezionando nelle assunzioni le migliori competenze e attitudini in modo rapido, efficiente e sicuro, senza costringere a lunghissime attese decine di migliaia di candidati
    • Giustizia: verrà dato seguito alle indicazione delle Country Specific Recommendations che esortano l’Italia ad aumentare l’efficienza del sistema giudiziario civile, attuando e favorendo l’applicazione dei decreti di riforma in materia di insolvenza, garantendo un funzionamento più efficiente dei tribunali, favorendo lo smaltimento dell’arretrato e una migliore gestione dei carichi di lavoro, adottando norme procedurali più semplici, coprendo i posti vacanti del personale amministrativo, riducendo le differenze che sussistono nella gestione dei casi da tribunale a tribunale e infine favorendo la repressione della corruzione.